Duomo di Cividale del Friuli - Basilica Patriarcale di Aquileia
15 Luglio 2018

...ore 10.15...

...per le varie manifestazioni in corso e concomitanti, raggiungere il Duomo della citt longobarda stato alquanto complicato, ma sono riuscito ad entrare in tempo per l'inizio della Messa, che nelle prime intenzioni era di assistere senza riprese in audio o foto. Solo quando ho intuito che era in programma il battesimo di un bambino, ho deciso di attivare il mio sistema di ripresa in audio e foto "di emergenza" che mi porto sempre appresso...

Santa Messa nella quindicesima Domenica del tempo ordinario
con il battesimo del piccolo Emanuele


...dopo il Rito di Accoglienza all'ingresso del Duomo, il piccolo corteo si reca presso l'altare...


...ed ha inizio la Messa, accompagnata all'organo dal M Antonio Qualizza...


...una panoramica al Salmo Responsoriale...


...mons. Livio Carlino all'omelia...
(il presule stato recentemente nominato Vicario Foraneo della nuova "Forania del Friuli Orientale" che comprende le parrocchie dei comuni di:
Cividale, Faedis, Moimacco, Premariacco, Prepotto, Torreano, Remanzacco, Manzano, Buttrio, Pradamano, Corno di Rosazzo, San Giovanni al Natisone, Drenchia, Grimacco, Pulfero, San Leonardo, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna.)


...il rito battesimale si poi svolto presso il battistero...

...con la presentazione ufficiale ai fedeli del piccolo Emanuele...


... seguita la liturgia eucaristica...



CANTO DI COMUNIONE



INFO E BENEDIZIONE FINALE

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

...ore 17.00...

Messe par Furlan
Avt dal Fril ai Ss Ermacure e Fortunt
Cu la partecipazion dai Soliscj dal Coro "Rsas di Mont" de "Plf di Guart"



S, fsti dongje, int di Sant Ermacure, al to pastr e a Fortunt rivolziti,
ai testemonis, che tu ss in glorie, parc che pe lr fede a n dt la vite.
Ach passarin, come vint in furie, popui ruviei di brame e di tristerie,
ma tu s viodt te d de gran miserie, il segno che il Signr no ti bandone.
Gjolt, Aquilee, Diu ti da la glorie, che, fruonts i mrs de t supierbie,
cence des armis cjantistu vitorie pai tiei nems clamts a jessi fradis!
Chi l'om furlan e chel da la Slovenie e il todesc a cirin amicizie
e, tant diviers, a cjatin une patrie, che e tai martars dute la s fuarce.
Chi la semence de Furlane Glesie, di Redenzion e puartave lis primiziis
e tal martiri si viest di glorie, sfidant a muart la prepotence umane.
Laudt Idiu, Trinitt santissime, Pari, cul Fi, a pr cul unic Spiritu,
che al siel i debui, cun dissen di gracie, par pales tal mont la s potence.
Amen.



JENTRADE

Messa presieduta da Don Lorenzo Mattiussi, nato a Mortegliano, missionario saveriano ora residente nella Casa di Udine, impegnato anche nellassistenza spirituale degli immigrati brasiliani in Friuli; infatti ricco di una lunga esperienza di apostolato in Brasile (Stato del Paran), terra generosa, abitata da gente spesso priva del necessario, eppure sempre accogliente, la quale - come egli racconta - canta le lodi a Ges al suono di chitarre, batteria e fisarmoniche e con tanta gioia sui volti


...panoramica dal lato destro del presbiterio...



Vegnit a cene, fradis, cun me,
sentsi insieme, ce biel chal :
la vs che us clame vu, fradis scoltaile,
che la me vite par veus cul
jo lai pierdude.
La taule j pronte, il vin l c
Pan chal da fuarce no us mancjar:
il vin l il sanc che jo spandei cun lacrimis
ed il gno cuarp al come pan
crevat par vuatris!


...immagine allargata ripresa dal lato sinistro del presbiterio...


...saluti di pre Roberto Bertossi e benedizione di chiusura...



Da font de m anime o gjolt, o esulti, il mir, de m musiche a Diu lu cjanti
che ancje se picule s'impense di me: da font de m anime cjantin al gran Re!
O jeri tant puare e mi preferide, parceche plui libare in cr mi cjatade
par chest ogni anime mi benedir: o jeri tant puare e Diu mi cjal.
Il plen di supierbie Idiu lu savolte, il grant in te storie da l'alt lu dismonte,
ma il debul al sacie di ogni bontt: il plen di supierbie al sbasse il so cjf.

Gno popul, consoliti, che no ti bandone, che lui di difinditi ti fat la promesse;
la fuarce dai debui e reste in Jahv: gno popul, consoliti, che Diu l' cun te!

Sagre dal Patriarcjt
(
Glesie Furlane)

          Benvignts a ducj i Furlans, ai Slovens e ai Todescs ch'a n condividt e a condividin la liende de vite tal non e tes idealitts de Glesie Mari di Aquilee. Ancje lis lenghis ch'a vegnin dopradis in cheste Messe di Avt a marchin l'intindiment di fsi onr un cul altri e di continu la strade insieme.
          Torn a Aquilee al vl d torn li di m mari e sint il bon odr de m tiere. Nissun intal pass dai agns nol rive te cjase de mari cence v il propi cr sglonf di memoriis, di vite e di afiets e nissun al dismentee i odrs e i colrs des stagjons che di piul in s al nult e cjalt.
          Vu, usgnot, viodi i mosaics, cjamin sot i arcs des colonis, sentsi par contempl i spazis fra l'ombre e la ls de Basiliche, al come sintmi strenzt di une mari, al poi i pts intal fresc di un biel prt, scuvierzi un cjanton segret e vitl di me stes.
Cul l'anime nestre si cuiete e e devente lizere, cul la memorie si piert tai secui passts, cul vu si cjate la ps e te ps al rins l'avign. S, cheste glesie e je come une Bibie che e comprent dute la storie, sacre, sante, incjarnade dal nestri Fril. Cul, come te Bibie, al svualampe il Spirtu Sant.
          Nol tragjic il timp che o vivn; Aquilee ind viodts une vore di pis; al forsit un timp li che la fin e il principi, gnot e d, scr e ls cuasi si tocjin. A son vonde argoments par d che il Fril al fins, a son vonde motfs par d che murint al rivf. Sore di n o podn tant va che sper. Forsit a son agns come un grant arc di S. Marc, come il passa dal Mr Ros. O sin furtunts, o sin fra passt e avign, o assistn a un travai. Stant cul in cheste glesie, mi pls ricuard la peraule di Crist: La femine, cuant che e parturs, e je avilide parc che e je rivade la s ore. Ma cuant che e parturt un frut, no s'impense nancje plui di trop che e patt, par vie de contentece che al nasst un om (Zn 16,21). Il nestri moment al grant, al propit cuss.
          Al ds Gjes tal Vanzeli: Chel che al semene al diferent di chel che al sesele. Jo us ai mandts a sesel ce che no vs fadit; altris a an fadit e vualtris o vs cjapt il lr puest te fadie (Zn 4,37-38). E je la nestre mission.
          Ma al zonte il Signr: Alait i vuestris vi e cjalait i cjamps: a son palomps par sesel (Zn 4,35). Il ben ancje vu al vin sore il ml.
          Usgnot, pcs o tancj, o ringracin Idiu di cjatsi insieme te nestre Basiliche mari pal avt dai Sants Ermacure e Furtunt; doman, o continuarn a lavor cun fiducie te culture e te societt, te glesie e te spirtualitt, tai pas e framie dai plui piui, pe nestre identitt di popul furlan e pal nestri avign di cristians tal spirt di Aquilee.
          Lavorn fra umiltt e passion, competence, sacrifici e pazience, e dut al frutular pal ben dal Fril. Stin serens parc che ancje cul: Il ream di Diu al propit cuss: come un om che al butade la semence tal teren, e po al dur e al vegle, di d e di gnot, intant che la semence e bute fr e e cjape pt cence che nancje lui nol sepi cemt. Il teren al bute dibessl prime jerbe, po sp e po tal sp il forment sglonf. Cuant che po il prodot al madr, si spessee a meti man a la sesule parc che e je rivade l'ore di sesel (Mc 4,26-29).
          Cjalant cheste glesie, pensant a Aquilee l'anime e polse come frut intai bras di une mari, e l'afiet al flors tai valrs e tal biel che la tiere mari nus d.

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-